• unlimited access with print and download
    $ 37 00
  • read full document, no print or download, expires after 72 hours
    $ 4 99
More info
Unlimited access including download and printing, plus availability for reading and annotating in your in your Udini library.
  • Access to this article in your Udini library for 72 hours from purchase.
  • The article will not be available for download or print.
  • Upgrade to the full version of this document at a reduced price.
  • Your trial access payment is credited when purchasing the full version.
Buy
Continue searching

Silenzio e inganno: L'amara scienza della dissimulazione tra Tasso e Accetto

Dissertation
Author: Monica Bilotta
Abstract:
This dissertation explores representations of silence and deception in Italian literature of the late sixteenth and early seventeenth centuries in Tasso's Gerusalemme Liberata , the religious tragedies of Federico Della Valle (Iudit, Ester, La reina di Scozia ), and Traiano Boccalini's satires (Ragguagli di Parnaso ). I analyze how these different works portray strategies of deception as a morally legitimate means of achieving religious and political independence from the increasing control of State and Church. Although such strategies are not explicitly theorized until a few decades later in Torquato Accetto's Dissimulazione onesta (1641), my close examination of the historical, social and literary contexts of these works explores the cultural practices that helped to shape philosophical inquiry into the moral ramifications of silence and deception, a quest that involved heretics, rulers and even missionaries of the same period. In addition, I devote particular attention to issues of gender, as some of the female characters in these texts play an essential role in the construction of what I term "moral simulation." Ultimately, I claim that silence and deception alter traditional representations of reality in different genres, resulting in more porous boundaries between genres. Although rooted in the necessity to protect the life of the authors and the dissemination of their works, the use of allusive and oblique rhetorical strategies becomes a literary code for any text which discusses the interaction between politics and religion. Such a direct reference to the fictive nature of literature shares significant points of intersection with the baroque celebration of ingegno as the fundamental means of achieving aesthetic pleasure. By challenging the limits of rhetoric, the authors of the Counter Reformation explore the unattainability of transparency in human relationships.

SILENZIO E INGANNO: L’AMARA SCIENZA DELLA DISSIMULAZIONE TRA TASSO E ACCETTO

by

MONICA BILOTTA

A Dissertation submitted to the Graduate School-New Brunswick Rutgers, The State University of New Jersey in partial fulfillment of the requirements for the degree of Doctor of Philosophy Graduate Program in Italian written under the direction of Laura Sanguineti White and Andrea Baldi and approved by ___________________________________ ___________________________________ ___________________________________ ___________________________________ New Brunswick, New Jersey January 2008

UMI Number: 3359234

INFORMATION TO USERS

The quality of this reproduction is dependent upon the quality of the copy submitted. Broken or indistinct print, colored or poor quality illustrations and photographs, print bleed-through, substandard margins, and improper alignment can adversely affect reproduction. In the unlikely event that the author did not send a complete manuscript and there are missing pages, these will be noted. Also, if unauthorized copyright material had to be removed, a note will indicate the deletion.

______________________________________________________________

UMI Microform 3359234 Copyri ght 2009 by ProQuest LLC All rights reserved. This microform edition is protected against unauthorized copying under Title 17, United States Code. _______________________________________________________________

ProQuest LLC 789 East Eisenhower Parkway P.O. Box 1346 Ann Arbor, MI 48106-1346

ii ABSTRACT OF THE DISSERTATION Silenzio e inganno: L’amara scienza della dissimulazione tra Tasso e Accetto By MONICA BILOTTA Dissertation Directors: Laura Sanguineti White and Andrea Baldi

This dissertation explores representations of silence and deception in Italian literature of the late sixteenth and early seventeenth centuries in Tasso’s Gerusalemme Liberata, the religious tragedies of Federico Della Valle (Iudit, Ester, La reina di Scozia), and Traiano Boccalini’s satires (Ragguagli di Parnaso). I analyze how these different works portray strategies of deception as a morally legitimate means of achieving religious and political independence from the increasing control of State and Church. Although such strategies are not explicitly theorized until a few decades later in Torquato Accetto’s Dissimulazione onesta (1641), my close examination of the historical, social and literary contexts of these works explores the cultural practices that helped to shape philosophical inquiry into the moral ramifications of silence and deception, a quest that involved heretics, rulers and even missionaries of the same period. In addition, I devote particular attention to issues of gender, as some of the female characters in these texts play an essential role in the construction of what I term “moral simulation.”

iii Ultimately, I claim that silence and deception alter traditional representations of reality in different genres, resulting in more porous boundaries between genres. Although rooted in the necessity to protect the life of the authors and the dissemination of their works, the use of allusive and oblique rhetorical strategies becomes a literary code for any text which discusses the interaction between politics and religion. Such a direct reference to the fictive nature of literature shares significant points of intersection with the baroque celebration of ingegno as the fundamental means of achieving aesthetic pleasure. By challenging the limits of rhetoric, the authors of the Counter Reformation explore the unattainability of transparency in human relationships.

iv Ringraziamenti

Questa tesi raccoglie e riassume tutta la mia esperienza di Graduate Student presso il dipartimento d’Italiano dell’Università di Rutgers. Sin dalla sua prima ideazione ho sentito come il mio impegno intellettuale si nutrisse degli stimoli e i suggerimenti di maestri e colleghi, che ho adesso modo di ringraziare. Il mio primo debito di riconoscenza va a Laura Sanguineti White, per avermi attirato a Rutgers con la sua analisi sottile dei drammi dellavalliani e per avermi poi aiutato, maieuticamente, a individuare l’argomento di questa tesi, seguendone con partecipazione gli sviluppi. Particolare gratitudine va ad Andrea Baldi per avere incoraggiato e guidato ogni mio impegno di ricerca sin dai suoi esordi con l’attenzione personale che dedica generosamente ad ogni studente, arricchendo con la stessa cura il mio registro linguistico e le mie letture critiche. David Marsh, esempio di connubio tra gli studi classici e quelli italianistici, ha condiviso la mia fascinazione per Traiano Boccalini Ringrazio Lina Bolzoni, che, dopo avere dato il primo stimolo alla mia esperienza americana, continua a seguire i miei passi nel mondo della ricerca. Ilaria e Simone Marchesi mi hanno mostrato con entusiasmo e arguzia le regole non scritte della vita accademica statunitense sin dal mio arrivo a Rutgers. Non è facile esprimere con parole i mille modi in cui la loro premurosa amicizia ha sostenuto la stesura di questa tesi e la vita quotidiana a New Brunswick

v Don Antonino Minissale mi ha offerto preziosi suggerimenti sulla lettura biblica di Ester e Giuditta, prendendo spontaneamente l’iniziativa di farmi toccare con mano la ricca esegesi esistente intorno a queste due figure. Ringrazio, poi, tutti i miei amici e colleghi, con cui ho condiviso il cammino e che hanno ascoltato pazientemente le mie entusiastiche tirate sull’insito fascino della dissimulazione onesta. In particolare Sara, Flora, Alberto, Esther e Paolo per le illuminanti disquisizioni filologiche sugli argomenti meno canonici; Diane, Rita e Delilah per avermi aperto la strada ai segreti di Rutgers e, infine, Nevin, Anna Chiara, Stella, Sandy, Lara, Kathleen, Johanna, Roberto e Mary Ann, per avere reso Rutgers un mondo dove fosse piacevole vivere e non solo studiare. Carol e Robin rendono il Dipartimento d’Italiano un luogo accogliente e familiare, spingendosi sempre oltre le loro mansioni per aiutare ogni studente a risolvere le questioni più disparate. Grazie a Ricardo, che ha trasformato gli Stati Uniti in uno dei luoghi più significativi della mia vita. Grazie anche a Ewean, Lorenzo, Marisa e Virginia, che con la loro presenza infantile e con il loro stesso arrivo hanno colorato i miei studi di risonanze fresche e vitali. E ringrazio i miei genitori, che sento sempre alle mie spalle, e seguono ogni mio passo con infinito affetto e partecipazione.

vi Indice

Abstract ii Ringraziamenti iv Indice vi Introduzione. 1 Capitolo I: Silenzio e inganno nell’età della Controriforma. 13 I. Il dominio della maschera 13 II. Chiesa e simulazione: evangelizzazione interna ed evangelizzazione estera 19 II. 1. Il nicodemismo 21 II. 2. Inquisizioni 27 II. 3. Dissimulare la croce di Cristo. I gesuiti in Cina. 31 III. La morsa dello stato tra Cinquecento e Seicento. 37 III. 1. Stato e Chiesa: Re cattolicissimo 45 .III.1.1. Giovanni Botero 48 III. 2. La corte, vera scuola di dissimulazione. 51 IV. Torquato Accetto: “In un giorno solo non bisognerà la dissimulazione” 55 IV. 1. Iconologia emblematica 63 .IV.1.1. Del cuor che sta nascosto 63 .IV.1.2. Di veli, luci e ombre. 66 .IV.1.3. Di volpi, lupi e altri animali 68 .IV.1.4. Dalla ruota della fortuna al teatro del mondo 72 Capitolo II: Torquato Tasso, ovvero dello statuto ingannevole del mondo 76 II. Eroine simulanti: Sofronia, Armida ed Erminia 77 II.1. Olindo e Sofronia 78 II.2. Armida: simulazione e magia 88 II.3. Erminia: dissimulazione e travestimento. 98 III. Armatura e t ravestimento 106 III.1. Corpi femminili: Erminia e Clorinda 107 III.2. Corpi maschili: Goffredo e Rinaldo 115 IV. La fallacia dello sguardo umano 125 Capitolo III: Dissimulazione femminile: le eroine di Federico della Valle 141 I. La dissimulazione in scena 141 I. 1. Catarsi controriformista 143 II. La dinamica del potere nelle tragedie 150 III. Il ruolo delle donne 153 IV. Judit 157 IV. 1. Vagao e Judit. 163 .IV.1.1. Parola e pittura 166 .IV.1.2. La toletta di Judit 171 V. Ester 182 V. 1. Aman e Mardocheo: la ruota della fortuna 188 V. 2. Ester e Aman 201 .V.2.1. Le vesti di Ester 208

vii VI. La reina di Scozia 213 VI. 1. La regina martire 214 VI. 2. Consiglieri malvagi 217 Capitolo IV: Simulazione e potere in Parnaso: Traiano Boccalini 226 I. Inganno e finzione 226 II. Buon governo: silenzio e adattabilità 239 II.1. Venezia: elogio della segretezza 241 II.2. I principati elettivi: “fuggire le novità” 253 II.3. Parnaso: empiria del buon governo 260 III. Intremezzo: la dissimulazione a corte 267 IV. Cattivo governo: principi, tiranni e ragion di Stato. 272 V. Ipocrisia pura 283 VI. Il ruolo degli intellettuali: Machiavelli e Tacito 291 Conclusione 300 Bibliografia 313 I. Bibliografia primaria 313 II. Bibliografia secondaria 314 Curriculum vitae 339

1

Introduzione

Fra la seconda metà del Cinquecento e la prima metà del Seicento, mentre si rafforza la separazione tra paesi protestanti e cattolici e le guerre di religione tendono a spostarsi all’interno delle nazioni, cresce il controllo della Chiesa e dello Stato sui corpi e sulle opinioni, così da rendere estremamente rischiosa ogni manifestazione di dissenso. Si consolida, dunque, sia per i príncipi che per i sottoposti, la necessità di nascondere o alterare il proprio pensiero, in bruciante conflitto con il richiamo ad una moralità integrale. La codificazione dell’identità nazionale in termini di identità religiosa determina, infatti, l’esigenza della pubblica adesione ai criteri della fede collettiva, spesso in netto contrasto con le esigenze della vita sociale e politica. Mentre i subordinati cercano un modo di conciliare il credo religioso con la segretezza e il dissenso, i potenti, dal canto loro, devono dimostrare che è possibile essere governanti astuti e potenti e al tempo stesso príncipi della cristianità. Si sviluppa, dunque, in Europa una intensa, quasi ossessiva, riflessione sugli intrecci tra politica e religione, ma anche tra verità e inganno, dibattito che trova ampio spazio anche nella produzione artistica del tempo. Nei testi letterari, così come nei libelli religiosi e nelle opere degli storiografi, ricorre l’indagine sulle occasioni e le modalità che rendono moralmente legittima la menzogna. Il presente studio intende indagare i margini di legittimazione della menzogna e del silenzio nelle opere di Torquato Tasso, Federico della Valle, Traiano Boccalini e Torquato Accetto, che affrontano la questione da angolature diverse. Tanto nella dimensione epica della Gerusalemme Liberata quanto nelle tragedie Judit, Ester e La reina di Scozia o nella prosa satirica dei Ragguagli di Parnaso, così come nel trattato

2

Della dissimulazione onesta trova spazio la difficile ricerca di una forma onesta di simulazione. L’ampiezza dell’arco cronologico e la varietà dei generi letterari delle opere in esame permette di ricostruire la rilevanza della potenziale moralità della simulazione in età controriformistica, e di riscoprire sia la specificità spirituale dell’epoca in cui questi testi sono stati composti, sia la matrice storica da cui le questioni legate all’inganno ricevono consistenza tematica. Nel ripercorrere le occorrenze della simulazione si è scelto di seguire un ordine prevalentemente cronologico e di partire da un inquadramento storico che si soffermi sulle diverse problematiche a cui è legata la simulazione. Ripercorrere l’irrigidirsi delle strutture di controllo del nascente stato assoluto e della chiesa di Roma permette di accertare la difficoltà dei subordinati di ritagliare spazi al dissenso, nonché l’esigenza dei governanti di proclamare la propria adesione agli insegnamenti cristiani e il proprio rifiuto degli amorali precetti politici di Machiavelli. A precisare il quadro, sottolineando l’ampia portata delle questioni, sono i riferimenti al resto dell’Europa, inclusi i paesi protestanti, spesso considerati semplicisticamente luoghi di libertà religiosa, in opposizione all’oppressiva situazione italiana. Il caso del nicodemismo, ossia dell’argomentazione teologica della dissimulazione da parte dei gruppi ireniaci e anabattisti in terra riformata, mostra, invece, la dimensione europea dell’esigenza di salvaguardare l’autonomia di pensiero affidandosi a strategie oblique. 1 L’attesa, diffusa universalmente, di un’adesione integrale degli individui ai dettami del credo cristiano poneva problemi difficili da superare per tutti gli schieramenti ed i gruppi sociali. Spesso trascurata, ad esempio, è l’esigenza di simulazione sentita dai Gesuiti in Cina,

1 Si fa riferimento, in particolare, a Carlo Ginzburg, Il nicodemismo: Simulazione e dissimulazione religiosa nell’Europa del ‘500 (Torino, Einaudi: 1970).

3

capovolgimento simmetrico degli strumenti per smascherare l’inganno elaborati dall’Inquisizione. All’esigenza di conformità religiosa corrisponde, dunque, la nascita immediata di una ricca casistica di eccezioni, la cui moralità va, però, costantemente motivata. Di fronte alle esigenze contraddittorie della situazione storica, il dubbio statuto etico di simulazione e dissimulazione va mutando: da potenziali vizi diventano autentiche doti, profondamente radicate nella virtù cardinale della prudenza. I dibattiti su verità e menzogna e il loro stretto legame con la nascita dello stato nazione e con i sistemi ecclesiastici di controllo delle pratiche religiose forniscono elementi essenziali alla comprensione delle opere letterarie e dell’apporto dei singoli autori, che cercano soluzioni alla tensione tra la necessità dell’inganno e l’ardua richiesta di moralità. Dall’analisi dei testi in esame risalta la corrispondenza tra l’insistita rappresentazione e discussione di scelte comportamentali ambigue e la presenza di analoghi interrogativi nelle opere dei teologi, degli storici, degli statisti e dei polemisti del tempo. Gli scrittori partecipano alla dinamica storica e contribuiscono alla creazione di nuovi paradigmi interpretativi. Accanto alle circostanze storiche, nel primo capitolo si affrontano le posizioni di Torquato Accetto. Partire, a ritroso, da un autore che scrive nel 1641 permette di enucleare con chiarezza i termini della questione. Con la lucidità e l’esaustività degli epigoni l’autore presenta l’intero repertorio dei temi e delle immagini associate alla dissimulazione: dalla differenza tra omissione accorta e menzogna, all’associazione tra dissimulazione e prudenza, dalla funzione di tutela della verità svolta da questa ambigua arte fino al repertorio biblico che invita alla pazienza e al silenzio. I fitti riferimenti dell’autore alla letteratura classica e a quella italiana servono a ribadire la natura

4

provvisoria e difensiva della virtù dell’adattabilità, definendo il lettore ideale attraverso un gioco sottile di rimandi allusivi. La struttura dissimulante dell’opera di Accetto, che, come si dirà, invita il suo interlocutore a ricostruire il non detto, costituisce un utile modello della sfida lanciata dai testi che si interrogano sull’esistenza di un inganno onesto. L’autore della Dissimulazione onesta facilita il compito dell’interprete per la passione con cui propone, senza esitazioni, la natura virtuosa dell’arte della pazienza. Giungendo ad esiti insolitamente universalistici, Accetto estende l’arte umana del tacere alla struttura della creazione e alle scelte di Dio, qualificandosi come campione illuminante con cui confrontare gli esiti meno risolutori delle “inchieste” di Tasso, Della Valle e Boccalini. I capitoli secondo, terzo e quarto sono dedicati rispettivamente alla Gerusalemme liberata di Tasso, alle tragedie di Della Valle (Judit, Ester e Reina di Scozia) e ai Ragguagli di Parnaso di Traiano Boccalini. Pur senza escludere la possibilità di tracciare un percorso di sempre maggiore accettazione della necessità della simulazione, l’ordine cronologico seguito non risponde ad una pretesa evoluzionistica. Il rispetto della progressione delle date di pubblicazione intende piuttosto chiarire i rapporti di influenza tra gli autori, particolarmente forti, ad esempio, tra Tasso e Della Valle. La scelta di affrontare singolarmente la produzione di ciascun letterato serve anche a riequilibrare l’opzione per una chiave di lettura tematica. 2 L’identificazione di temi e motivi legati alla legittimazione dell’inganno, infatti, per quanto venga messa in relazione all’uso di

2 La critica tematica è stata spesso tacciata di superficialità e astrattezza, e magari associata ad un gusto catalogatorio tardo-ottocentesco. Come osserva Werner Sollors: “thematics is simply considered “old” and hopelessly outmoded, and hence discussions of literary “treatments of” themes tend to call themselves by other names. [...] Thematics is regarded so passé that it does not even seem to deserve a rationale for its undesirability” (Werner Sollors, Introduction, The Return of Thematic Criticism, ed. by Werner Sollors [Cambridge-London: Harvard UP, 1993] xiii). L’antologia di Sollors, guidata dall’intento di valorizzare le potenzialità ermeneutiche della critica tematica, raccoglie numerosi interventi teorici ed esempi pratici di approccio tematico ai testi, nonché un’utile bibliografia critica essenziale.

5

simili immagini negli altri autori, viene collegata, in primis, alla specificità della poetica e alla produzione complessiva del singolo artista. Nel capitolo dedicato alla Gerusalemme Liberata, gli esempi paralleli e contrapposti dell’operato di Armida e di Sofronia, tra inganno e seduzione, sembrerebbero segnalare una sostanziale schematicità di Tasso nell’affrontare i dilemmi etici della sua epoca, in una dichiarata assoluzione dei mezzi sulla base della moralità dei fini. Accostare gli esempi di Armida e Sofronia all’esito fallimentare dei tentativi di indossare armi altrui da parte tanto di eroine pagane, quali Erminia e Clorinda, quanto di eroi cristiani, quali Rinaldo e Goffredo, permette, tuttavia, di cogliere la difficoltà del poeta nel giustificare quella difesa della sfera individuale che, per gli altri autori, costituisce l’obiettivo primario della dissimulazione. Nel poema di Tasso gli uomini appaiono privi della capacità di leggere il mondo con gli occhi di Dio e si trovano, quindi, smarriti tra i dilemmi e le aporie della realtà, a meno di non accettare senza riserve l’autorità degli interpreti della parola divina. Il terzo capitolo è dedicato alle tragedie di argomento politico-religioso di Federico della Valle, in cui si assiste alla messa in scena di scelte di dissimulazione irreprensibili, finalizzate alla salvezza del popolo eletto. Le eroine bibliche Ester e Judit si fanno portatrici di un modello di femminilità che usa la seduttività unita al silenzio come strumento letale al servizio della volontà di Dio. Le differenze, sottili ma profonde, tra il loro onesto agire e gli inganni dei malvagi sono rese esplicite dalla caratterizzazione degli avversari e soprattutto dalla crudeltà ipocrita da cui sono connotati i persecutori di Maria Stuarda, martire ufficiale del cattolicesimo europeo. La radicale diversità dei personaggi rivela che la legittimità dei fini non costituisce l’unico elemento a distinguere le

6

protagoniste positive dai loro antagonisti: alla simulazione pervicace dei rivali si oppone, infatti, la parola misurata e mai menzognera delle paladine della verità, che tacciono attendendo il momento opportuno per rivelarsi pienamente. Il drammaturgo anticipa le posizioni di Accetto, individuando nella dissimulazione onesta un potente strumento difensivo, la cui giustificazione non risiede negli scopi nobili, ma nella moralità del mezzo stesso. L’indagine sulla falsità approda ad esiti più contraddittori nei Ragguagli di Parnaso. Dietro il travestimento frammentario del suo carnevalesco Parnaso, Traiano Boccalini appare combattuto tra la condanna recisa della falsa coscienza degli uomini di potere e l’incapacità di immaginare un mondo basato su una totale trasparenza. La denuncia di chi copre, in nome di fini superiori, i soprusi con cui mantiene ed estende il proprio dominio non giunge alla proposta di alcun modello positivo. L’aspirazione utopica a riformare l’universo si ferma di fronte alla constatazione che tutti i rapporti umani si basano su un certo grado di mascheramento e finzione, anticipando una conclusione che Jean Starobinski attribuisce al Settecento francese: “appearance, inseparable from its verbal and gestural uses (lying, hypocrisy, dissimulation, mask), is also inseparable from any manifestation of being”. 3 Il teatro del mondo protegge la reputazione dei príncipi, unica tutela della pace sociale, fuori dalla quale non è dato alcun bene. L’impossibilità di eliminare l’ipocrisia lascia aperta l’aporia tra censura morale e rassegnata accettazione, generando sempre nuove incarnazioni dei dilemmi dell’autore, costretto, a sua volta, a mentire sull’identità dei propri bersagli polemici. Nei testi analizzati il modello referenziale rimane quello della corte, anche quando è trasposto sui campi di battaglia in Terra santa o sulle cime del monte Parnaso. I

3 Jean Starobinski, Preface, The living Eye (Cambridge – London: Harvard UP, 1989) vi.

7

travestimenti letterari lasciano comunque trasparire l’evoluzione della figura del cortigiano ed il suo confluire in quella del funzionario, confermando l’unità di motivi che lega, pur nelle profonde differenze, la Gerusalemme Liberata alle tragedie dellavalliane e alle prose satiriche di Boccalini, testi illuminati retrospettivamente dalla Dissimulazione onesta. Scelte simulanti vengono attribuite tanto a personaggi negativi quanto a figure irreprensibili, sollevando ogni possibile interrogativo sui margini di legittimità dell’inganno e fornendo ai lettori-interpreti gli strumenti per affrontare i distinguo, espliciti e impliciti, di questo ambiguo campo dell’agire umano. Come viene messo in evidenza nella conclusione, in cui vengono rintracciati i punti di contatto tra le diverse opere, gli autori, nel confrontarsi con l’onesta menzogna, si trovano a farne uso e a mettere in guardia i lettori sulla mancata trasparenza della loro parola, creando un gioco di specchi che allarga il discorso dalle dinamiche di potere allo statuto fittizio della letteratura. Nella dedica al cardinale Caetano, Traiano Boccalini dichiara, ad esempio, di “parlar di uno e intender di un altro; [di] scoprirsi e non voler esser veduto”, riuscendo così a “trattar cose politiche e non offender chi domina”. 4 In modo simile Torquato Accetto così spiega le limitate dimensioni della sua opera: “lo scrivere della dissimulazione ha ricercato ch’io dissimulassi, e però si scemasse molto quanto da principio ne scrissi”. 5 Il soggetto politico dell’opera costringe alla scelta di un’espressione obliqua, alla creazione di un linguaggio che si fa velo opaco del proprio contenuto. La storia preme sulla letteratura costringendola a cercare nuove forme. I confini che separano i generi letterari si fanno meno definiti. Il trattato (Della dissimulazione

4 Traiano Boccalini, Proemio alla seconda centuria, Ragguagli di Parnaso, a cura di Giuseppe Rua (Bari: Laterza, 1910) 4. 5 Torquato Accetto, Della dissimulazione onesta, a cura di Salvatore S. Nigro (Torino: Einaudi, 1997) 7.

8

onesta), che di norma difende esplicitamente una posizione e veicola nella maniera meno filtrata la voce dell’autore, si offre, invece, come luogo di smarrimento prospettico, come rompicapo a cui il lettore deve fornire i pezzi mancanti per giungere ad una immagine completa e veritiera. Per converso, il teatro (Ester, Judit e La reina di Scozia), fondato sulla pluralità dei punti di vista, invece di lasciare margini di ambiguità interpretativa, trasmette in modo trasparente una lettura univoca della realtà. In un punto intermedio tra questi estremi si pongono sia i Ragguagli di Parnaso che la Gerusalemme Liberata: mentre i gazzettini del Parnaso, nuovo genere seicentesco di ascendenza lucianea, nella loro dimensione dichiaratamente fittizia e mistificante si compromettono direttamente con le questioni politiche più scottanti, il poema epico, nel ritrarre con apparente disinteresse morale gli inganni delle eroine e i travestimenti degli eroi, denuncia apertamente la natura menzognera dell’opera letteraria e della condizione umana, legate da ineludibili corrispondenze. I testi qui selezionati permettono di mettere in risalto la rilevanza assunta dallo statuto etico dell’inganno in epoca controriformista, verificando punti comuni ed elementi di divergenza, legati alla personalità e alla storia dei singoli autori. La rosa delle opere potrebbe estendersi ad altre personalità coeve, quali Tommaso Campanella e Carlo De’ Dottori, oppure includere autori oggi meno noti, ma celebri al tempo, quali Virgilio Malvezzi o Giusto Lipsio. Sarebbe ugualmente possibile risalire nel tempo e seguire le origini cinquecentesche o i modelli classici del dibattito sull’uso strumentale della menzogna. Nel riservare a ricerche future l’esplorazione di questi percorsi alternativi, la necessità di circoscrivere il raggio del presente progetto di ricerca è stata sostenuta dalla percezione che la scelta di affiancare secondo un criterio tematico, la Gerusalemme

9

liberata, l’Ester, la Judit, la Reina di Scozia, i Ragguagli di Parnaso e Della dissimulazione onesta, offrisse già, nella varietà dei generi letterari e nella diversa fama degli autori, un campione sufficientemente significativo e variegato. Il poema di Tasso presenta, a una data alta, le inquietudini morali della Controriforma e, per essere assurto immediatamente a modello letterario, segna con la propria influenza le composizioni successive. Della Valle segue stilemi tassiani, 6 ma riprende e sviluppa l’immagine della donna armidesca facendone un exemplum sacro, paradossale modello mariano, per poi soffermarsi sulle potenzialità eversive di una parola controllata che trae in inganno gli interlocutori. Autori quali Della Valle o Boccalini, esprimono con particolare chiarezza le ansie e le aspirazioni del loro tempo. D’altronde, Traiano Boccalini, oggi meno conosciuto, ebbe enorme fortuna al momento della pubblicazione della sua opera: tradotto rapidamente in inglese, francese, spagnolo e fiammingo, il suo innovativo testo satirico offrì alla creatività secentesca un modello letterario di ampio seguito. Inversa è la sorte di Torquato Accetto: poco considerato dai suoi contemporanei, il suo nesso ossimorico, “dissimulazione onesta”, deve la fama odierna agli studi di Benedetto Croce. 7

Dai più celebri ai meno noti, questi autori testimoniano l’urgenza di trovare una legittimazione etica alle forme difensive, o persino offensive, dell’inganno. Le differenze cronologiche, geografiche, di notorietà e di genere letterario rendono i testi scelti un repertorio essenziale attraverso cui seguire gli interrogativi morali dell’età

6 Sugli influssi linguistici di Tasso sull’opera di Della Valle si vedano le numerose osservazioni di Laura Sanguineti White, Dal detto alla figura: Le tragedie di Federico della Valle (Firenze: Olschki, 1992). 7 Come è noto, fu Benedetto Croce a recuperare l’opera da secoli di oblio con la ristampa del 1928, per Laterza, in un’edizione fuori commercio. Come sintetizza efficacemente Nigro, l’“operazione era in partenza ideologica, in omaggio alla politica culturale di un editore antifascista nel clima storico di rinnovata ‘dissimulazione onesta’” (Salvatore Nigro, “Nota bibliografica”, Della dissimulazione onesta xxxi). Le riflessioni di Croce su Accetto sono raccolte in Benedetto Croce, “Torquato Accetto e il trattatello Della dissimulazione onesta,” Nuovi saggi sulla letteratura italiana del Seicento (Bari: Laterza, 1949) 86-94.

10

controriformistica. La presente indagine sui margini di onestà del silenzio e dell’inganno si muove spesso sul confine tra letteratura, storia e sociologia. 8 La scelta stessa dell’argomento scaturisce, infatti, dal riconoscimento dell’influsso delle particolari condizioni politiche e religiose di un’epoca sulla produzione letteraria coeva e dal considerare la letteratura come una componente attiva della storia del pensiero, che risponde alle sollecitazioni degli eventi e partecipa alla creazione di un modello interpretativo del reale. 9 La tentazione di uno studio di questo genere è quella di servirsi dei testi letterari prevalentemente da un punto di vista documentario, trasformando la critica letteraria in indagine storiografica sulle idee. Questa ricerca si propone, però, di utilizzare la storia come elemento di supporto all’analisi del testo, e non viceversa. La conoscenza profonda delle caratteristiche politiche, sociali e culturali della produzione costituisce, infatti, uno strumento indispensabile per interpretare correttamente ogni testo, che non è mai il frutto privato di creature fuori dal tempo, ma nasce entro un contesto specifico che ne influenza la scelta del codice retorico, del linguaggio e persino quella dell’argomento. A sua volta

8 All’interno della concezione delle relazioni di potere e del controllo sul corpo illustrate da Michel Foucault, un punto di partenza è rappresentato dalle ricerche di Maurizio Viroli su Machiavelli e sul concetto di Ragion di stato (Dalla politica alla ragion di stato: La scienza del governo tra XIII e XVII secolo [Roma: Donzelli, 1994]) e dalle acquisizioni di Adriano Prosperi sull’Inquisizione (Tribunali della coscienza: inquisitori, confessori, missionari [Torino, Einaudi: 1996]). Faccio riferimento, in particolare, agli orizzonti della ricerca foucaultiana degli anni ‘80: cfr. Michel Foucault, “The Subject and Power”, Afterword, Michel Foucault: Beyond Structuralism and Hermeneutics, by Hubert L. Dreyfus and Paul Rabinow (Chicago: U of Chicago P, 1983) 208-226; L’uso dei piaceri: Storia della sessualità 2 (Milano: Feltrinelli, 1998) e La volontà di sapere (Milano: Feltrinelli, 1991). Tali ricerche si affiancano alle analisi di Walter Benjamin sul dramma barocco tedesco e agli studi di Marc Fumaroli sul legame tra teatro, pedagogia gesuitica e oratoria nel diciassettesimo secolo: cfr. Walter Benjamin, Il dramma barocco tedesco (Torino: Einaudi, 1999) e Marc Fumaroli, Eroi e oratori. Retorica e drammaturgia secentesche (Bologna: Il Mulino, 1990); a cura dello stesso autore si veda anche la raccolta di saggi sulla retorica europea dell’età moderna: Marc Fumaroli (a cura di), Histoire de la rhétorique dans l’Europe moderne: 1450-1950 (Paris: Presses Universitaires de France, 1999). 9 “Semplicemente credo che non si possa fare storia letteraria o politica o religiosa o altra, senza fare storia degli uomini quali essi sono e furono, accettandone l’inesauribile varietà e diversità” (Carlo Dionisotti, “La letteratura italiana nell’età del concilio di Trento,” Geografia e storia della letteratura italiana, 1967 [Torino: Einaudi, 1999] 226-254, p. 230).

11

l’opera letteraria modifica la percezione coeva del mondo e delle relazioni sociali, partecipando alla strutturazione del sistema di potere di una determinata epoca storica ed alla costruzione della sua ideologia. 10

Questo studio sulla potenziale moralità dell’inganno nei testi controriformistici parte dalla valutazione dell’importanza della conoscenza storica per l’analisi letteraria e dalla convinzione che degli studi critici abbiano lo scopo di avvicinare il lettore ad una comprensione il più possibile piena del testo. Strumenti utili in questo percorso sono quelli che aiutano, attraverso un tragitto consapevole, a diventare lettori ideali, azzerando la distanza determinata da una diversa appartenenza cronologica e culturale. Gli apporti di strutturalismo, psicanalisi, gender studies e teorie della ricezione vanno ancorati alla filologia e ad uno storicismo aggiornato sulle acquisizioni dei cultural studies. Per quanto non sia possibile giungere ad una comprensione totale dell’opera letteraria, se gli studi critici fossero privi della tensione verso la verità (gorgianamente non conoscibile), non costituirebbero altro che nuova letteratura, solo fortuitamente in grado di avvicinarsi al testo da cui trae spunto. E se anche è vero, come ha insegnato Barthes, che per ciascun lettore il testo esiste solo nel momento della sua fruizione, così da permettere a nuovi lettori un’interpretazione personale e soggettiva, la critica letteraria ha senso solo se si pone l’obiettivo di condurre all’interno del testo, rendendone accessibili i diversi aspetti, giacché non c’è scelta di significato senza conoscenza. Una lettura storicizzante permette al lettore, attraverso l’approfondimento delle condizioni di produzione e ricezione dell’opera letteraria, di comprendere gli elementi

10 Si tratta del margine di autonomia esplorato dall’ultimo Foucault, secondo cui il soggetto ha la capacità di modificare parzialmente il codice di riferimento che lo determina: si veda Michel Foucault, L’uso dei piaceri e “What is Enlightenment ?” The Foucault Reader, ed. Paul Rabinow (New York: Pantheon Books, 1984) 32-50.

12

che lo sollecitano e lo chiamano in causa. Solo la conoscenza delle circostanze storiche rende possibile una lettura profondamente attualizzante e al tempo stesso rispettosa di ogni testo appartenente ad un’epoca diversa dalla propria, garantendo al lettore di trarne un messaggio autentico e valido per sé e per il proprio tempo. La domanda che attraversa insistentemente queste pagine, su come, quanto e in nome di cosa sia giusto mentire (o tacere parte della verità) è fra quelle che segnalano la modernità dell’età controriformistica e barocca. 11 Persino nel modo profondamente diverso di sentire l’imperativo religioso, ci accomuna ai personaggi e, indirettamente, ai loro autori la percezione di una società in cui ogni gesto è registrato e passato a scrutinio e in cui la deviazione è segnalata, tendenzialmente, come pericolosa. L’esigenza di un luogo secluso in cui vivere con pienezza l’autenticità dell’io fa sentire anche oggi il suo richiamo, associato alla non meno provocatoria denuncia dei soprusi dei potenti e del loro tentativo di occultare la propria avidità e violenza, delegittimando l’effetto illuminante della letteratura.

11 L’associazione tra postmoderno e “neobarocco” costituisce un concetto critico acquisito negli studi sulla produzione latino-americana novecentesca. Si vedano tra gli altri Carlos Rincón, “El universo neobarroco,” Modernidad, mestizaje cultural y ethos barrocco, a cura di Bolivar Encheverría (Mexico: Equilibrista, 1994); Francesco Guardiani, “Baroque and Neobaroque: The Great Retrievals,” Forum Italicum 30 (1996): 129-135 e Petra Schumm, (ed. and introd.), Barrocos y modernos: Nuevos caminos en la investigación del barroco iberoamericano (Frankfurt-Madrid: Vervuert-Iberoamericana; 1998).

Full document contains 347 pages
Abstract: This dissertation explores representations of silence and deception in Italian literature of the late sixteenth and early seventeenth centuries in Tasso's Gerusalemme Liberata , the religious tragedies of Federico Della Valle (Iudit, Ester, La reina di Scozia ), and Traiano Boccalini's satires (Ragguagli di Parnaso ). I analyze how these different works portray strategies of deception as a morally legitimate means of achieving religious and political independence from the increasing control of State and Church. Although such strategies are not explicitly theorized until a few decades later in Torquato Accetto's Dissimulazione onesta (1641), my close examination of the historical, social and literary contexts of these works explores the cultural practices that helped to shape philosophical inquiry into the moral ramifications of silence and deception, a quest that involved heretics, rulers and even missionaries of the same period. In addition, I devote particular attention to issues of gender, as some of the female characters in these texts play an essential role in the construction of what I term "moral simulation." Ultimately, I claim that silence and deception alter traditional representations of reality in different genres, resulting in more porous boundaries between genres. Although rooted in the necessity to protect the life of the authors and the dissemination of their works, the use of allusive and oblique rhetorical strategies becomes a literary code for any text which discusses the interaction between politics and religion. Such a direct reference to the fictive nature of literature shares significant points of intersection with the baroque celebration of ingegno as the fundamental means of achieving aesthetic pleasure. By challenging the limits of rhetoric, the authors of the Counter Reformation explore the unattainability of transparency in human relationships.